Senza categoria

[Review Party] L’ultimo regalo di Kathryn Huges – Casa editrice Nord

Buongiorno lettori e lettrici! Oggi il blog, in occasione del review party, si occupa della recensione di “L’ultimo regalo”, il nuovo romanzo di Kathryn Hughes pubblicato dalla casa editrice Nord! Un libro sugli affetti, che alterna passato e presente in una bellissima e commovente storia familiare. Buona lettura!

Trama 

Non esiste legame più forte di quello tra una madre e una figlia…

Tara e sua madre sono inseparabili. Loro due contro il resto del mondo. Almeno finché Violet non incontra Larry, un uomo apparentemente ricco e premuroso, che la convince a concedersi una vacanza in Spagna senza la figlia. Per la prima volta da quand’è nata, Tara si separa dalla madre, senza sapere che non la rivedrà più… Sono passati quarant’anni da allora, e Tara si è ormai rassegnata al fatto che Violet sia morta. Ma ecco che un giorno un avvocato di Londra le consegna la chiave di una cassetta di sicurezza aperta a suo nome. Dentro, c’è un medaglione con una foto di Violet. Tara riconosce subito quell’oggetto: è l’ultimo regalo che lei aveva fatto alla madre, proprio il giorno prima della sua partenza. Possibile allora che Violet sia ancora viva? Tara deve trovarla. Perciò parte immediatamente per la Spagna, ripercorrendo le tappe di quel fatidico viaggio, e a poco a poco ricostruirà la storia di una donna troppo ingenua, di un uomo spregevole e senza scrupoli, di un legame che né il tempo né la distanza hanno potuto spezzare. Perché non c’è nulla di più forte dell’amore di una madre per un figlio, e sarà proprio quell’amore a illuminare il cammino di Tara e a condurla, finalmente, alla verità.

La mia opinione

La Hughes ci ha già abituati, per chi la conosce, ad uno stile scorrevole, delicato e che non stanca mai.

Anche in questo suo ultimo romanzo ha rispettato i suoi canoni, regalando al lettore una bella storia di due donne, Tara e Violet.

Come in altri romanzi dell’autrice, si alternano il passato e il presente. Quello di Tara da adulta, una donna forte e coraggiosa reduce da una recente separazione dal marito, e quello di Tara bambina e poi adolescente, il cui unico grande amore, la stella polare che guidava la sua vita era la mamma, Violet. 

La parte che più ho amato è stata proprio quella del passato, quando vengono narrate le vicende di Violet e Tara, una ragazza madre costretta spesso ad umiliarsi per sbarcare il lunario e non far mancare nulla alla sua adorata bambina. 

Violet è il personaggio che ho amato più di tutti: una donna straordinaria, talvolta ingenua, ma capace di dimenticare tutte le sofferenze che ha subito pur di non far pesare il suo passato a sua figlia Tara. Una mamma capace di un amore incondizionato, che sfiderebbe il mondo pur di regalare alla figlia un futuro migliore. Eppure, talvolta il destino fa dei brutti scherzi e, per una serie di vicende che si riveleranno piano piano nel corso della storia, mamma e figlia verranno separate per sempre.
Tara non saprà mai cosa è successo a sua mamma, scomparsa nel nulla durante un viaggio, fino al giorno in cui non riceverà una lettera e il ciondolo, l’ultimo regalo che ha fatto alla mamma per il suo trentesimo compleanno, da cui prende il titolo il romanzo.

Dalla lettera e dal ritrovamento del ciondolo, Tara riuscirà a ricomporre tutti i tasselli mancanti, a scoprire cosa è successo alla mamma e, sopratutto, a capire che l’amore infinito che la mamma ha provato per lei non si è mai spento. Perché anche se il destino talvolta è crudele, un legame forte come quello di Violet e Tara non può essere spezzato neanche dal tempo e dalla distanza.

Come vi ho anticipato ho amato moltissimo il personaggio di Violet e la parte della storia che si svolge nel passato, mentre mi ha colpito meno la storia di Tara da adulta, probabilmente perché quest’ultima non è riuscita a coinvolgermi in modo particolare e non sono riuscita a provare empatia nei suoi confronti.

Nel complesso, un bel romanzo che scorre velocemente, commovente, accompagnato dalla bellissima scrittura della Hughes e che trasmette al lettore il messaggio che i legami più  forti restano per sempre. 

Voto finale: 3,5/5